ANSE – 4° Raduno Delle Maschere Antropologiche


4° Raduno delle Maschere Antropologiche con visita a Tricarico, città arabo-normanna con il suo centro storico medioevale più importante e meglio conservato della Basilicata e parata delle Maschere antropologiche provenienti da più parti d’Italia e anche dall’Austria.


Sabato 1° agosto a Tricarico si rinnova l’appuntamento con una delle manifestazioni più suggestive ed originali della cultura popolare che si svolge nella nostra Regione, il “Raduno delle Maschere Antropologiche”, giunto alla quarta edizione.
L’evento, organizzato e fortemente voluto dalla Pro Loco di Tricarico sin dalla prima edizione, anche quest’anno vede la collaborazione della Regione Basilicata, dell’Azienda di Promozione Turistica della Basilicata, della Città di Tricarico, dell’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia e della Federazione Europea delle Città del Carnevale. La manifestazione mira a diventare un momento di riscoperta delle radici popolari più autentiche della Basilicata, ma allo stesso tempo di essere occasione di incontro e di confronto con le tradizioni di altre regioni d’Italia e d’Europa.

Quest’anno a riempire di colori e rumori le strade della cittadina delle colline materane ci saranno, in primo luogo, gli otto comuni che fanno parte della “Rete delle maschere antropologiche lucane”, ovvero: Aliano, con “Le Maschere Cornute”; Cirigliano, con “Le Stagioni”; Lavello, con “Il Domino”; Montescaglioso, con “Il Carnevalone”; San Mauro Forte, con “I Campanacci”; Satriano, con “U’ Rumit, l’Urs”; Teana, con “L’Orso” e Tricarico, con “Le Maschere di Tricarico”.
Ad essi si uniranno i sardi “Sos Mamutzones”, provenienti da Samugheo e i “Sos Mascheras Limpias” di Neoneli; “La lachera” di Rocca Grimalda in Piemonte; gli austriaci “I Diavoli delle Alpi”; “L’orso di Jelsi” del Piemonte; “I Pulcinella Abruzzesi”, provenienti da Chieti e Palombaro.
Il corteo partirà alle ore 18:30 dal Belvedere, sito in Via Appia, per poi snodarsi verso il centro storico di Tricarico, riportando alla memoria un mondo lontano, il mondo naturale e animale che popola i miti delle origini e le antiche leggende.
Nella mattinata, presso l’Ostello di Fonti, alle ore 10:30, si terrà una Conferenza nella quale verranno presentati i gruppi partecipanti al Raduno; occasione, questa, per conoscere più da vicino le tradizioni di ogni singolo paese, che non si esauriscono nel solo rito del Carnevale, ma che divengono espressione intima e profonda della più vera cultura popolare, soprattutto alla luce di una loro valorizzazione come patrimonio immateriale da salvaguardare.